0113496784

Presentazione delle domande per il Reddito di Cittadinanza

On Marzo 5, 2019

Presentazione delle domande per il Reddito di Cittadinanza

REDDITO DI CITTADINANZA – Presentazione delle domande

Quali sono le procedure per presentare le domande per il Reddito di cittadinanza? L’unico documento che serve è il modello ISEE 2019 (che puoi richiedere al nostro sportello anche on line)  Si può inoltrare la domanda anche on line utilizzando le credenziali SPID (che possiamo richiedere da noi allo sportello) oppure : per il resto, basta compilare il modulo pubblicato dall’INPS: sono le principali regole per richiedere il Reddito di Cittadinanza a partire dal 6 marzo 2019.Vediamo una breve guida in cinque punti alla presentazione della domanda di Reddito di Cittadinanza o di Pensione di Cittadinanza.

Presentazione delle domande
Sono tre le modalità per la presentazione delle domande. Si può compilare il modello di domanda pubblicato dall’INPS, valido sia per il Rdc sia per la PdC scegliendo la modalità online utilizzando il portale del Governo, ci si può rivolgere al CAF, oppure presentandosi con modello cartaceo agli sportelli di Poste Italiane.

Documenti da presentare – Per presentare domanda è necessario avere l’ISEE in corso di validità. Per quanto riguarda la certificazione consolare per gli stranieri, ricordiamo che questo nuovo requisito non è ancora in vigore, per cui non serve presentarlo facendo domanda il 6 marzo. Il modulo funge da autocertificazione a tutti gli effetti.


Verifica dei requisiti – Questo adempimento spetta all’INPS. I tempi previsti per l’esame delle domande sono stimati in cinque giorni, dopo i quali il diritto al beneficio è concesso o negato. Inizialmente si prevedono tempi leggermente più lunghi, che dovrebbero far slittare le prime erogazioni a maggio, ma con decorrenza aprile. Nel mese di aprile i CAF dovrebbero essere in grado di effettuare le trasmissioni all’INPS entro il giorno 15 del mese e l’NPS dovrebbe rispondere nei primi giorni del mese successivo. Ad approvazione ottenuta il beneficiario riceve comunicazione in tal senso dall’INPS e viene convocato da Poste Italiane per ricevere la Carta Rdc. E’ sempre l’INPS che comunica al gestore l’importo mensile da caricare sulla card.


La CARD – L’importo concesso, contenuto sulla carta RdC, deve essere speso nel mese di competenza. Gli eventuali risparmi vengono decurtati dalla somma del mese successivo, fino a un tetto del 20%. E’ possibile prelevare fino a un massimo di 100 euro al mese (100 euro al mese per un single), moltiplicati per la scala di equivalenza per i nuclei familiari (soglia massima 210 euro).


Il Patto per il Lavoro – La legge prevede che il beneficiario debba sottoscrivere il Patto per il lavoro, che è un percorso personalizzato di inserimento lavorativo. Entro 30 giorni dall’ottenimento del beneficio occorre sottoscrivere la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro. Sempre nello stesso lasso di tempo il richiedente viene contattato dai centro per l’impiego e, nel caso in cui non abbia già rilasciato la immediata disponibilità al lavoro, potrà farlo in sede di convocazione al centro per l’impiego. Con il Centro per l’impiego, viene messe a punto uno specifico patto per il lavoro, che prevede una serie di obblighi per il beneficiario e che dovrebbe concludersi con un lavoro.

  • By admin  0 Comments 

    0 Comments

    Leave a Reply

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *